ROMA - Hacker in azione nella notte sul profilo twitter della deputata del Pd, Alessandra Moretti, e su quello  di Paola Taverna, ex capogruppo M5S e senatrice del movimento fondato da Beppe Grillo. Un attacco informatico che ha portato una serie di 'cinguettii' falsi, a sfondo rigorosamente sessista, tra le due parlamentari.

Questa Mattina Alessandra Moretti ha fatto sapere che in nottata è stato hackerato il suo account. In un comunicato ha spiegato che oggi "sporgerà denuncia alla polizia postale" anche per gli "osceni messaggi diffusi nella notte dal suo account". Su Twitter appare infatti uno scambio di tweet "fake" di contenuto sessuale con la parlamentare del M5S Taverna, anche lei vittima dell'attacco e pronta a fare denuncia. 
 


"Da stamane non riesco a entrare nel mio profilo Twitter che è stato 'hackerato'. Non so che cosa vi stiano scrivendo e sto per fare formale denuncia alla polizia postale", conferma la Taverna. E sulla sua pagina Facebook aggiunge: "Qualcuno ha violato il mio account Twitter, scrivendo a mio nome frasi ingiuriose, che non mi appartengono. Presenterò una formale denuncia alla polizia postale per risalire agli autori. Se questi sono i mezzi con i quali intendete fermare il Movimento 5 Stelle rassegnatevi e vergognatevi".

Senato, no a costituzione di parte civile
contro Berlusconi per il caso De Gregorio

 

Linda Lanzillotta (Scelta civica) e Antonio De Poli (Popolari) determinanti con il loro voto insieme
a Fi, Ncd, Lega e Gal. Ora decide Grasso. L'11 febbraio parte il processo sulla "compravendita"

 

Paola Taverna (M5S): Dambruoso si dimetta da deputato

Paola Taverna, senatrice del Movimento 5 Stelle, era ospite a "La Vita in Diretta". Di fronte alle continue ed evidenti provocazioni in studio, la parlamentare pentastellata ha risposto con pacatezza respingendo le accuse con lucide analisi e facendo valere le ragioni del Movimento. 

La Taverna ha ripercorso il famoso ostruzionismo del Movimento 5 Stelle di fronte al decreto che ha regalato alle banche 7,5 miliardi, decreto che la Taverna definisce "incostituzionale". 

Il giornalista ha continuato a provocare in studio cercando di far passare il messaggio di una rottura nel Movimento circa il modo di fare opposizione.La Taverna ha risposto a tono senza mai cadere nel tranello, anche sul caso del deputato 5 Stelle De Rosa. Di seguito riportiamo il video di quanto accaduto: 

 

 

Processo compravendita senatori, Di Pietro: “Il Senato sia parte civile contro Berlusconi”

 

Mercoledì 5 febbraio l’ufficio di presidenza di Palazzo Madama deciderà se costituirsi parte civile nel processo sulla compravendita dei senatori che a Napoli vede imputati Sergio De Gregorio, Valter Lavitola e Silvio Berlusconi. “E’ un anno che ilSenato deve prendere questa decisione – attacca Antonio Di Pietro – E c’è di più: in occasione del decreto che dispone il giudizio, lo scorso ottobre, nessun rappresentante dell’Assemblea si è presentato. Però Piero Grasso ha occasione di rimediare costituendosi, come Senato della Repubblica, parte civile nel processo che nel 2007 causò la caduta di Romano Prodi”. La prima udienza sul caso De Gregorio, il senatore che per sua stessa ammissione lasciò l’Italia dei Valori per abbracciare il centrodestra in cambio di 3 milioni di euro, è fissata per l’11 febbraio, proprio in concomitanza dell’entrata nel vivo della discussione parlamentare della legge elettorale. Tant’è che il Cavaliere è stato perentorio: “Così saltano le riforme”. Ma Di Pietro chiosa: “E’ la dimostrazione, ancora una volta, che Berlusconi si è messo in politica per non finire a San Vittore” 

 

Voto scambio POLITICO-MAFIOSO, sì da commissione Senato
carcere fino a 12 anni. No di Fi e Gal

Punibile il politico che "si mette a disposizione" DELLA MAFIA

 

Imprenditore: "Lavitola  filmò Berlusconi con prostitute a Panama"

Imprenditore: "Lavitola 
filmò Berlusconi
con prostitute a Panama"

Per faccendiere nuovo arresto
per tentata estorsione a Impregilo
 
RNews Merlo: regista cortigiano

No del Tribunale ai servizi sociali Cuffaro resta in cella

No del Tribunale
ai servizi sociali
Cuffaro resta in cella

Il magistrato: "Non ha
collaborato con la giustizia"

Forconi, Calvani condotto dai magistrati
"La Digos mi ha dato un passaggio"

"Vogliamo collaborare, contrari alla violenza"